logo_2016_png_leggero

La Giornata del Traduttore

Venerdì 14 e sabato 15 ottobre 2016

Pisa, Grand Hotel Duomo

Venerdì 14 e sabato 15 ottobre 2016 si rinnova a Pisa l’ormai consolidato appuntamento con la Giornata del Traduttore, evento che promuove percorsi formativi all’avanguardia per gli esperti nei settori della traduzione e della localizzazione nato dalla collaborazione tra STL Formazione ed EST – European School of Translation. Il tema chiave di questa quarta edizione è Un’idea ti cambierà. Innovazione, creatività e strumenti per affrontare il futuro: in uno scenario come quello attuale, contraddistinto da un’incessante evoluzione delle dinamiche e dei paradigmi alla base dei processi di comunicazione, la professione del traduttore sta inevitabilmente cambiando fisionomia, configurandosi sempre più come un’attività a 360 gradi di mediazione culturale. I traduttori non sono più oggi semplici “traghettatori di senso” da una lingua all’altra, ma si propongono anche come esperti di web marketing internazionale, localizzatori di software e app, consulenti linguistici di brand consolidati. Figure professionali a tutto tondo, insomma, partner indispensabili delle aziende e dell’editoria nel mondo globalizzato.

La Giornata di sabato 15 ottobre

Per rispondere alle sfide ambiziose poste da questo nuovo scenario – e per cogliere le innumerevoli opportunità che esso offre ai traduttori in termini di crescita professionale – padroneggiare i nuovi strumenti non basta: è necessario che il nostro settore operi prima di tutto un cambio di atteggiamento, che faccia propria una nuova mentalità prima ancora dei dispositivi attraverso cui essa può esprimere il proprio potenziale. In questo senso, la Giornata di sabato 15 ottobre rappresenta un’occasione imprescindibile di riflessione e dibattito sui temi che contraddistinguono la contemporaneità del nostro mestiere, promuovendo le sinergie, il confronto e l’acquisizione di una rinnovata consapevolezza tra gli addetti ai lavori attraverso interventi che spazieranno dall’analisi degli strumenti tecnici a nostra disposizione alla riflessione sui condizionamenti comportamentali che spesso ci affliggono, passando per le testimonianze di chi è riuscito con successo a rinnovare la propria professionalità e le esperienze ispiratrici di chi opera in settori da cui la traduzione può senz’altro mutuare spunti e dinamiche fruttuose.

Ad aprire i lavori sarà Lorenzo Paoli, coach specializzato nello sviluppo di routine che generano prestazioni d’eccellenza, che ci spiegherà come la maggior parte dei nostri comportamenti e dei nostri processi mentali sia in realtà costituita da abitudini, che il più delle volte rappresentano il principale ostacolo al cambiamento e all’affermazione di sé. Esistono però anche delle routine “virtuose”, ed è su queste che Paoli si concentrerà, presentandoci alcune strategie mentali che possono aiutare i traduttori ad abbandonare il loro vecchio repertorio di condizionamenti per attivare dinamiche innovative utili ad affermarsi nel mercato e a costruire un percorso professionale ricco e soddisfacente. 

La seconda parte della mattinata sarà quindi dedicata all’analisi degli strumenti e delle risorse tecnologiche avanzate che non possono mancare nel bagaglio professionale di un traduttore. Adrià Martìn passerà in rassegna le principali tecnologie che hanno portato alla progressiva digitalizzazione del processo di traduzione, confutando le diffuse preoccupazioni relative a un ipotetico deterioramento della qualità e alla possibilità che i traduttori vengano in un prossimo futuro rimpiazzati dalle macchine. La traduttrice Silvia Bernardini ci parlerà di una risorsa essenziale per lo studio delle lingue, la creazione di dizionari, la stesura di libri di testo e di programmi didattici, soprattutto in contesti anglosassoni, e che potrebbe presentare un notevole valore aggiunto anche per noi traduttori, che pure al momento la conosciamo e utilizziamo molto poco: i corpora, raccolte di testi in formato elettronico consultabili attraverso software dedicato. Federico Gaspari affronterà invece il controverso tema delle prospettive di sviluppo professionale derivanti dal crescente impiego della tecnologia nella traduzione, tracciando non solamente un bilancio dell’efficacia degli strumenti già diffusi sul mercato, ma offrendo anche una previsione delle più importanti applicazioni e modalità di lavoro che potranno affermarsi in futuro, concentrandosi in particolare sui complessi e delicati rapporti fra traduzione automatica, post-editing e qualità della traduzione professionale.

Dopo il pranzo di networking, nel corso del quale i partecipanti alla Giornata avranno l’opportunità di scambiarsi curriculum, biglietti da visita, presentazioni o di fare semplicemente quattro chiacchiere, sarà la volta nel pomeriggio degli interventi dedicati alle ispirazioni, ovvero a quelle esperienze e idee che ci possono suggerire nuove strade per la nostra crescita professionale. Andrea Spila e Marco Cevoli passeranno in rassegna una serie di progetti (da una startup che promuove i prodotti enogastronomici sui mercati stranieri a un progetto sociale di integrazione di rifugiati e migranti) attraverso cui alcuni linguisti sono riusciti a superare la tradizionale concezione del proprio ruolo per esplorare applicazioni trasversali rispetto alle proprie competenze, contribuendo in maniera innovativa alla promozione della propria realtà locale o al miglioramento delle relazioni internazionali ma anche all’affermazione della propria professionalità.

L’esperto di formazione digitale Giulio Xhaet, intervistato dalle traduttrici blogger di doppioverso, ci accompagnerà alla scoperta delle logiche innovative di collaborazione e ambiziosa imprenditorialità all’origine del concetto di startup, per capire in che modo possiamo fare nostro questo modello di organizzazione aziendale e spinta al rinnovamento traendone nuova linfa per arricchire e innovare la nostra professione.

Maria Pia Montoro ci racconterà invece come sia riuscita a trasformare la sua passione per la terminologia in un lavoro, coniugandola con lo studio dell’HTML e aprendo un blog che in poco tempo l’ha portata a Bruxelles, dove attualmente è Terminologist e Web Content Manager del Parlamento Europeo.

I laboratori di venerdì 14 ottobre

Secondo la formula collaudata, i lavori della Giornata di sabato 15 ottobre saranno preceduti, venerdì 14, da due laboratori di formazione e orientamento a numero chiuso. La mattina, in Cat Tool a confronto: chi più spende meno spende?, Marco Cevoli offrirà una panoramica dei più diffusi ambienti di traduzione assistita (da SDL Trados a memoQ e OmegaT), evidenziandone punti di forza, analogie e differenze per guidare i partecipanti nella scelta dello strumento più adatto al loro profilo. Il pomeriggio, Lorenzo Paoli ci accompagnerà con il suo intervento Io Cambio, costellato di interessanti esercitazioni pratiche, in un viaggio di esplorazione e allenamento delle routine mentali e comportamentali che possono rivelarsi più produttive per un traduttore/interprete aiutandolo a trarre il meglio dalla propria attività e a realizzare compiutamente i propri obiettivi professionali.

Info

Il webinar di presentazione ufficiale della quarta edizione della Giornata del Traduttore si svolgerà mercoledì 25 maggio 2016 alle ore 14.30. Il webinar è gratuito

Iscrizione
(per chi non potrà seguirlo in diretta, sarà resa disponibile una registrazione nei giorni successivi).
 

Per iscriversi alla Giornata del Traduttore 2016:

http://www.lagiornatadeltraduttore.it/iscrizioni

N.B. L’iniziativa è a numero chiuso. Le iscrizioni chiuderanno, salvo esaurimento dei posti disponibili, il 23 settembre 2016. Per le iscrizioni effettuate entro il 7 luglio 2016 è valida la tariffa scontata “Early Bird”. 

Per maggiori info e chiarimenti è possibile utilizzare il modulo di contatto all’indirizzo http://www.lagiornatadeltraduttore.it/contatti oppure telefonare al numero (+39) 347 3972992 (Sabrina Tursi).